NOVITA': FELPE E MAGLIETTE DEL FORUM >> CLICCA <<

[Riflessione] Andare in moto è immorale?

Tutto ciò che non rientra nelle altre sezioni sulla Scrambler di casa Ducati.
johnny
rank1
Messaggi: 20
Iscritto il: 16/02/2020, 13:14
Nome: Peppe
Località: Milano
Scrambler: Desert Sled

[Riflessione] Andare in moto è immorale?

Messaggioda johnny » 16/02/2020, 13:34

Buongiorno a tutti,
mi sono appena iscritto e vorrei aprire una discussione (che spero di aver inserito nella giusta sezione) che magari possa farci riflettere un po'.
Come sappiamo il nostro pianeta sta andando a rotoli, fortunatamente la sostenibilità ambientale sta diventando un argomento sempre più comune ma comunque le notizie di tutti i giorni ci presentano una situazione abbastanza critica.
La domanda è questa: siamo tutti motociclisti e a tutti piace girovagare a zonzo senza avere magari una meta precisa giusto per macinare qualche chilometro ma è giusto farlo? Sicuramente è vero che non è il motociclismo amatoriale a fare la differenza ad esempio nella quantità di CO2 immessa in atmosfera ma bisogna anche tenere conto che è un consumo di risorse assolutamente deliberato e superfluo. Che ne pensate?
Come detto, il mio non vuole essere un giudizio nei confronti di nessuno (anche perché sono "colpevole" quanto altri) ma semplicemente un modo come un altro per parlare di un argomento attuale e magari cercare di essere tutti un po più "green" :D
Space isn’t so far. It would be just one hour driving if you could go straight up.

Advertisement
Avatar utente
slowthrottle
rank2
Messaggi: 199
Iscritto il: 18/01/2017, 12:31
Nome: maxime
Località: inizioValSeriana
Scrambler: Icon

Re: [Riflessione] Andare in moto è immorale?

Messaggioda slowthrottle » 16/02/2020, 21:20

Porsi questo problema è perfettamente lecito,probabilmente è addirittura doveroso.

Personalmente sono molto sensibile a questi temi, e in qualche modo sto cercando di conciliare la mia personale attenzione alle tematiche ambientali con una passione - la moto- per la quale vado in giro bruciando benzina per le valli alpine.

La risposta tipica di solito è cosa vuoi che sia qualche km in moto, i problemi sono ben altri, i comportamenti virtuosi individuali non servono a nulla - e così via. Ritengo questo approccio sbagliato, e credo che ciascuno di noi - se realmente interessato al problema - possa dare un importante contributo, sia agendo comportamenti appropriati, sia cercando di coinvolgere e convincere le persone che ha intorno: ecco che allora anche le scelte individuali diventano importanti.

Qualche esempio: convincere la propria azienda a dismettere i bicchieri di plastica delle macchinette, evitare gli imballaggi usa e getta, evitare l'uso della macchina in città, evitare di cambiare oggetti seminuovi con oggetti nuovissimi, riparare anzichè sostituire, e così via: non dimentichiamoci che la follia strutturale consiste in un sistema economico - quello presente - dove lo spreco costituisce ricchezza.

Tipicamente la sensibilità ambientale degli appassionati di moto non sembrerebbe essere molto elevata :mrgreen: . Non solo - come dicevo - andiamo in giro bruciando benzina per niente, ma spesso modifichiamo i nostri mezzi infischiandocene delle normative ambientali: quanti motociclisti "catalizzati" conoscete?

Senza ipocrisia, la mia scelta è stata quella di stare attento ai miei comportamenti quotidiani. Non posso rinunciare alla moto (andrei in analisi :mrgreen: ), ma posso cercare di adoperarla con attenzione e rispetto: scarico aftermarket sì ma catalizzato, andatura tranquilla nei centri abitati, rispetto e tolleranza verso gli altri utenti della strada, specialmente quelli che sui passi ci vanno pedalando e non ruotando il polso destro, niente fuoristrada dove non è consentito. Non sono un santo, supero le auto dove non è consentito e dove so che è possibile oltrepasso (poco) i limiti, ma esiste anche una sorta di modo "civile" di trasgredire.

Credo che in questo momento sia soprattutto importante essere consapevoli e diffondere consapevolezza verso questi problemi (ci sono in giro tanti negazionisti), accettando le nostre contraddizioni, magari con qualche disagio, e sforzandoci di vivere la moto nel modo più civile possibile: si può fare, i margini per trarre gioia dalla motocicletta restano elevatissimi, anche andando a novanta anzichè a centotrenta (limite 70), e anche senza infastidire persone e animali con scarichi fuorilegge.

Anyway: quasi sempre vado al lavoro a piedi (6+6 km), buona serata a tutti
...la cosa più brutta quando morirò sarà che la mia compagna venderà tutti gli accessori della mia moto al prezzo che lei crede io li abbia pagati.
maxime

Avatar utente
motoniko77
rank2
Messaggi: 311
Iscritto il: 22/09/2017, 9:12
Nome: Nicola
Località: Prov. TO
Scrambler: Sixty2

Re: [Riflessione] Andare in moto è immorale?

Messaggioda motoniko77 » 17/02/2020, 9:39

Ciao,

molto bello il tuo intervento che condivido pienamente. Rispondo volentieri per farti sapere che non sei l'unico e che come te:

- ho comprato la Scrambler ma nella versione small -> Sixty2 anche per cercare di essere più in armonia con il mondo che mi ospita;
- faccio il pendolare in treno da 13 anni e a fine giornata il mio conta passi segna sempre 11000 passi;
- ecc ecc non voglio annoiare nessuno...

inoltre cerco di sensibilizzare molto sul tema dell'obsolescenza programmata. Infatti al mio vetusto e precedente mezzo(che possiedo ancora) ho dedicato un sito per la sua manutenzione, qui trovi il manifesto:

https://www.loscarabeorotax.com/chi-sono

Sono temi difficili e passare per saputello e pesante ci vuol poco, negli anni ho capito che il modo è l'esempio.

Buon ambiente a tutti!
Never stop exploring

Mazzinga
rank1
Messaggi: 25
Iscritto il: 26/06/2018, 12:20
Nome: Mazzinga
Località: Torino
Scrambler: Desert Sled

Re: [Riflessione] Andare in moto è immorale?

Messaggioda Mazzinga » 17/02/2020, 15:21

Tralasciando i motociclisti scatalizzati (che già commettono un reato e quindi se parliamo di moralità ...) o meno secondo me le cose vanno vista nella prospettiva del contributo, ovvero quanto contribuisce il mio giro in moto all'inquinamento gloabale ? Capisco chi dice che anche un piccolo contributo è importante ma allora anche il forum che stiamo leggendo su internet ha un costo di mantenimento elettrico e quindi di inquinamento, e lo smartphone ultimo modello su cui lo stiamo leggendo ? dove sarà andato ad inquinare il penultimo modello che abbiamo gettato ? Mah.
Tornando alle moto, personalmente appena le temperature lo consentono inizio ad usarla come mezzo di locomozione quotidiano al posto del mio diesel euro 4 , vale come sforzo verde oppure devo proprio andare a piedi ? Scusate se scherzo un po' ma questo è un forum di motociclete giusto ? E di che stiamo parlando allotra !? :lol:

giovi
rank2
Messaggi: 185
Iscritto il: 17/06/2015, 18:32
Nome: Giovanni
Località: La Spezia
Scrambler: Classic
Altre moto: no

Re: [Riflessione] Andare in moto è immorale?

Messaggioda giovi » 25/02/2020, 14:32

Buongiorno andare in moto è una cosa BUONA E ......GIUSTA........WWWWWW GLI >> www.scrambler-italia.com << :evil: :evil: :evil: :evil: :evil: :evil: :evil:


Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 3 ospiti